#LOTTOMarzo: essere donna e imprenditrice in Italia

Sono lavoratrici: producono reddito e benessere per i collaboratori e per la società. Sono manager: prendono ogni giorno decisioni fondamentali. Sono donne e sono oltre 1 milione le imprese gestite da loro (+ 0,4% rispetto al 2014). Rappresentano il 24% del totale in Italia con una maggiore diffusione in Lombardia, Lazio e Campania.

Ecco qualche bella storia!

La più celebre: Miuccia Prada

Prada si distingue da altre maison per aver mantenuto alta la bandiera dell’italianità, fino a farla diventare un tratto distintivo dell’azienda. Ha tenuto, negli anni, a far passare che Made in Italy significa eccellenza.

Nonostante l’azienda sia stata fondata dal nonno Mario, sono state le sue capacità manageriali e la sua vision sull’innovazione a portare in alto la griffe.

La scienziata: Laura Iris Ferro

Milanese, laureata in Medicina e Chirurgia con una specializzazione in Psichiatria e un MBA in SDA Bocconi, ha preso in mano le sorti dell’azienda di famiglia, purtroppo in crisi, e dalle sue ceneri è nata la nuova creatura di Laura Iris Ferro: Gentium, azienda leader nel settore delle biotecnologie con sede a Como.

Le innovazioni proposte dall’imprenditrice le hanno fatto guadagnare attenzioni dalla comunità scientifica internazionale.

La nuova proposta: Monica Ferroni

Cresciuta nel mondo del cinema, la torinese Monica Ferroni, dopo la recente crisi economica, si è dovuta reinventare: ha fondato un’azienda che produce accessori per animali, la HOG dogfuton.

Dopo una vita da dipendente ha deciso di usare tutte le sue skill, creatività, marketing, e capacità di relazionarsi col pubblico, per dare vita a un progetto tutto suo. La produzione è artigianale e, ovviamente, tutta italiana.